George Best, il ragazzo di Belfast che ha conquistato il mondo

E’ un icona. Un simbolo. Ed è inutile negarlo. George Best, con il tempo, è diventato forse troppo “commerciale”, un brand che vende e non poco ma dati alla mano la sua storia parla chiaro: ha fatto innamorare e gioire milioni di persone, non tanto per le gesta in campo ma molto di più per i suoi vizi molto comuni e popolari che non ha mai avuto paura di sbandierare. E’ vero, ha sbagliato. In alcuni punti ha esagerato con l’alcool, ma questo glielo possiamo anche concedere no? E’ umano, come tutti noi.

CUpGwWNWoAE2-6oAveva essenzialmente 2 doni: era affascinante e bravo a calcio. Noi dal canto nostro non possiamo che essere felici che abbia sfruttato la seconda e abbia fatto innamorare tifosi da ogni parte del mondo. E poi diciamocelo chiaro: senza il calcio, probabilmente avrebbe avuto 1/10 delle donne che ha avuto in vita sua. E’ sempre riuscito a mescolare le due cose con grande genuinità e fluidità, creando attorno a se un personaggio più unico che raro.  Molti di noi non hanno avuto la possibilità di vederlo giocare ed apprezzarne le gesta ma ne ha semplicemente sentito parlare per le sue gesta. E’ quindi obbligatorio ricordare che questo ragazzo oltre ad essere stato a letto con le donne più belle del tempo, aver comprato macchine lussuosissime e speso metà dei suoi risparmi tra uno shot di vodka ed una pinta di birra ha anche vinto un pallone d’oro, vinto campionati e portato in alto il nome delle squadre con le quali ha giocato.

CUpKl06WUAAP1idLa sua storia l’abbiamo letta e riletta tante volte e non ci è sembrato utile ripeterla e raccontarla per l’ennesima volta. Anche perché lui era cosi, nei momenti più bui della sua carriera, quando l’unico posto che conosceva era il bancone di un bar dichiarava frasi del tipo “Se io fossi nato brutto, non avreste mai sentito parlare di Pelè”. Questo era George Best, un ragazzo che ha vissuto la vita fino in fondo, facendo quello che gli è sempre piaciuto fare. Era un ragazzo normalissimo, con delle passioni. La modernità ha portato attorno a lui tanta fama, tanta attenzione, ha fatto guadagnare chi su di lui ha visto una possibilità di ingrandimento del portafoglio, creando più di qualcuno pronto a giudicarlo più per la popolarità moderna che per quella che è stata la sua vita.

Il ragazzo di Belfast era uno di noi, senza se e senza ma.

CUpML2yWwAAKWtE

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*