Roy Keane, da Cork al Manchester United passando per Brian Clough

Nato a Mayfield, periferia di Cork, da una famiglia operaia, viene subito indirizzato al calcio dal padre, che tra l’altro se lo porta dietro pure al lavoro visto la situazione di bisogno della famiglia. La prima squadra è la stessa del fratello, il Rockmount, squadra di livello intermediate, una delle più famosi della regione di Cork. Come molti ragazzi Irlandesi, la sua squadra del cuore era il Celtic, ma non nascondeva simpatie per il Manchester United e per il Tottenham.

542299_592165287476794_1479001701_nA 14 anni Keane viene convocato per un provino con la selezione Under 15, ma nonostante tutto il suo talento, venne escluso dall’allenatore Ronan Scally perchè troppo piccolo per gli standard richiesti. Keane allora cercò, invano, di trovare una squadra in Inghilterra, tornando a casa senza soldi, abbandonando di fatto il mondo del calcio per darsi al lavoro, venne addirittura assunto in un birrificio della zona. Il carattere ribelle però del ragazzo lo penalizzò molto, rischiando di trascinare per strada il giovane Roy. La svolta, però, avvenne nel 1989, quando Eddie o’Rourke, allenatore giovanile del Rockmount, venne ingaggiato come allenatore della squadra Riserve (Under 19) del Cobh Ramblers, piccola squadra appena fuori Cork che giocava in First Division Irlandese. Proprio il Cobh, nel 1984, era diventata famosa per essere arrivata alle semifinali di FAI Cup nonostante fosse una squadra di Non League. O’Rourke fu davvero come un secondo padre per Roy, che in breve tempo metterà la testa apposto facendo addirittura l’esordio in prima squadra, nel 1989, anno della prima storica stagione dei Ramblers in Premier division: nonostante la retrocessione, Roy mise in luce tutto il suo talento, attirando finalmente su di lui le luci di vari club dall’Inghilterra.

La stagione successiva il Cobh puntò tutto sul giovanissimo Roy per puntare alla risalita in Premier, nonostante ciò venne impiegato pure nella squadra giovanile, dove il Cobh puntava forte. Più di qualche settimana, infatti, Keane era costretto a giocare sia per le riserve, sia per la prima squadra. Il calcio fisico della First Division Irlandese fu una palestra molto importante per Roy, proprio per sviluppare il suo fisico che in gioventù gli aveva negato la gloria. La svolta decisiva della carriera avvenne nell’estate del 1990 a Dublino, nella sfida di FAI Cup tra il Belvedere e il Cobh: davanti al mitico Brian Clough, venuto di persona a vedere il ragazzo, Roy si scatena, segnando 3 dei 4 goal nella vittoria dei Ramblers. Già in serata, si concluse l’affare: Roy Keane passava dal Cobh al Nottingham Forest per la miseria di 47.000£. E proprio da qua, inizia la leggenda di Roy Keane…

roy-keane-1407650129

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*