Match of the Weekend: il Liverpool infiamma il Villa Park

Match of the Weekend: Premier League, Aston Villa – Liverpool 0-6

Se ci fosse un premio per la squadra più pazza ed imprevedibile in questa Premier League, certamente il Liverpool di Jurgen Klopp sarebbe una serissima candidata. Certo, forse era lecito aspettarsi qualcosa di più in termine di posizione in classifica, ma comunque i Reds sono in finale di Coppa di Lega e nei sedicesimi d’Europa League: sollevare un trofeo alla prima stagione, per altro subentrando in corsa, renderebbe sicuramente positivo l’impatto dell’allenatore tedesco.

E proprio ieri si è toccato probabilmente l’apice, con un roboante successo contro un Aston Villa sempre più nei guai, a causa di una zona salvezza lontana solo 8 punti ma apparentemente irraggiungibile visto la mole di gioco e l’atteggiamento visto ieri. Una vera e propria umiliazione, con sei goal, per altro realizzati da sei marcatori diversi, che hanno permesso ai Reds di alimentare le loro speranze di accesso all’Europa tramite la posizione di classifica in campionato.

Una lunghissima giornata per i tifosi dei Villans (eclatante la storia del tifoso Australiano che dopo 25 ore di viaggio per tifare la sua squadra si è trovato di fronte a questo spettacolo), cominciata al 18’ con il perfetto cross di Coutinho e il colpo di testa facile facile di Sturridge. Che fosse un pomeriggio da incubo per la squadra di Birmingham lo si è però definitivamente capito qualche minuto dopo: punizione dalla sinistra di Milner, vanno tutti a vuoto, tra cui il portiere Bunn che tenta goffamente di intervenire: 0-2 dopo 25’, risultato con cui si va all’intervallo. Nel secondo tempo è uno show dei Reds: prima Emre Can dal limite trova la soluzione vincente per il 3-0, quindi Origi al 63’ trova il goal del 0-4 dopo un illuminante lancio di Coutinho che di fatto manda in porta il giovane Belga. L’incubo continua per l’Aston Villa due minuti dopo, con il quinto goal, con Clyne che prima si vede respingere il tiro dal portiere avversario, quindi risolve la mischia nata in ribattuta per il goal del 5-0. Al 71’ c’è tempo anche per il sesto goal, con il facile colpo di testa di un redivivo Kolo Toure (per la gioia degli appassionati inglesi che magari potranno riproporre il famoso coro dedicato ai due fratelli Ivoriani) che di fatto porta il risultato al 6-0 che sarà anche quello finale. Un pomeriggio da incubo per i Villans che vedono avvicinarsi sempre più la retrocessione in Championship, una fine clamorosa data la storia e il blasone del club.

Dagli altri campi

Andiamo rapidamente a dare uno sguardo agli altri campionati britannici alla ricerca di risultati eclatanti ed episodi particolari. In League Two 4-1 e tre espulsioni tra Accrington e Crawley: passano in vantaggio gli ospiti nel primo tempo, quindi prima lo Stanley pareggia con Kee ad inizio ripresa. Poco dopo fallaccio in area di un difensore del Crawley non visto dall’arbitro: si scatena una rissa tutti contro tutti che comporta all’espulsione di tre giocatori: McCartan dell’Accrington, Walton del Crawley e del secondo portiere dell’Accrington Mooney eroicamente partito dalla panchina per andare a cercare di fare giustizia per il suo compagno. Nel finale l’Accrington dilaga per un 4-1 che fa entrare lo Stanley in zona playoff, mentre il Crawley nonostante la sconfitta è tranquillo a centro classifica.

Grande spettacolo anche in Coppa del Galles: il Cwmbran Celtic, quinto nella Welsh Football League Division 2 (terza serie), batte per 5-3 il Goytre, secondo nella Division 1 e alla ricerca di una promozione in Premier League: Finisce 5-3 per la squadra del Gwent, che per la prima volta nella sua storia accede ai quarti della Coppa Nazionale dove affronterà il Port Talbot, squadra di Premier League.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*