Una favola dal colore Ocra

Una favola dal colore ocra. Una storia tutta made in Wales da raccontare. Siamo a Newport, città del Gwent di circa 140.000 abitanti. Non siamo lontani da Cardiff, ma come ben sa chi conosce queste realtà, lo sport principale nella zona è il rugby, il calcio viene dopo. Eppure, nel 1980, un’intera città, un’intera comunità e un’intera nazione ha sognato in grande, e non con una cavalcata in FA Cup o un campionato di vertice, ma lo ha fatto portando il calcio Gallese vicino come non mai alla gloria Europea con una squadra di club.

Ma come mai Newport, città gallese e dunque squadra con sede nel territorio Gallese, non gioca nel campionato del Dragone, ma milita attualmente in League 2? Semplice, fino al 1992 non esisteva un campionato organizzato dalla Welsh FA, dunque le squadre Gallesi erano semplicemente inglobate dentro le varie serie del calcio Inglese. Nel 1992 sotto input della UEFA venne strutturata la piramide del calcio Gallese, ma sei squadre (Cardiff, Swansea, Wrexham, Merthyr , Colwyn Bay e lo stesso Newport) decisero di rimanere nel calcio Inglese: ecco perché, scorrendo le squadre vincitrici del campionato Gallese, non troviamo le grandi città del paese, ma piccole realtà come Bangor City (unica squadra all’epoca nelle prime 5 serie del calcio Inglese a passare alla Welsh Premier), Barry Town o The New Saints (squadra per altro con sede in Inghilterra ma che venne inglobata nel calcio Gallese).

somerton1980_2

Eppure fin dal 1877 si gioca la Welsh Cup, competizione aperta a tutte le squadre Gallesi e a squadre Inglesi che si trovano in prossimità del confine. Nell’albo d’oro, dunque, troviamo oltre alle solite Cardiff, Swansea e Wrexham e Shrewsbury, Hereford, Crewe Alexandra o Tranmere Rovers, tutte squadre che si imposero nella massima competizione Gallese. Questa usanza è svanita nel 1990, e dal 1996 le squadre Gallesi militanti in Inghilterra sono state escluse dalla competizione.

Andiamo dunque alla stagione 1980, e andiamo, dopo queste note introduttive, in quel di Somerton Park, la storica casa del calcio di Newport. Sotto la linea di Len Ashurst, ottimo calciatore negli anni sessanta con la maglia del Sunderland, il Newport County riesce nell’impresa di schiodarsi dalla Third Division, vincendo il campionato espugnando all’ultima giornata il campo del Walsall. Nelle file della squadra spicca un giovanissimo John Aldridge, uomo che poi qualche anno dopo sarà perno del Liverpool che vincerà il campionato nel 1988 e artefice di una delle favole più belle della storia delle coppe Inglesi, ossia il trionfo dell’Oxford United in League Cup. A completare uno degli attacchi più prolifici della storia del club, Tommy Tynan e Dave Gwynter. Al trionfo in campionato si aggiunse anche il primo (ed unico) trionfo in Welsh Cup: dopo aver eliminato Cardiff City, Wrexham e Merthyr Tydfil, in finale arrivano gli Inglesi dello Shrewsbury Town: essendo gli avversari Inglesi, il Newport si era già garantito l’accesso alla Coppa delle Coppe, ma con un emblematico 2-1 all’andata e 3-0 al ritorno diventa campione del Galles.

12443395_10207295589645562_2057415715_o

Le squadre Gallesi all’epoca erano viste come club semi professionistici, ciò nonostante i risultati nella Coppa delle Coppe, unica competizione a cui potevano partecipare, erano stati notevoli: il Cardiff City nel 1968 arrivò in semifinale perdendo contro l’Amburgo, ottenendo altri due quarti di finale con le eliminazioni contro Saragozza e Real Madrid, mentre nel 1976 ai quarti venne eliminato il Wrexham contro l’Anderlecht. Ora però tocca la Newport rappresentare il Dragone in Europa: niente male per un club che solo 5 anni prima si salvò all’ultima giornata, vincendo cinque partite consecutive, ed evitando una retrocessione che sarebbe costata l’uscita dalla football League e un fallimento probabile visto le casse poco in salute del club.

Il sorteggio del primo turno fu favorevole, oltre che un derby Britannico: oltre settemila spettatori battezzarono l’esordio del Newport County contro i Nordirlandesi del Crusaders, squadra semi professionistica che però pochi anni prima uscì in Coppa dei Campioni solamente con un 2-0 contro il grande Liverpool. Ma i dubbi vennero spazzati via presto:  i soliti Dwyner ed Aldridge, l’ala Moore e il difensore Brunton: 4-0 e passaggio del turno archiviato. Uno scialbo 0-0 a Belfast fu più che sufficiente per il passaggio del turno e gli ottavi di finale contro i Norvegesi dell’Haugar, club che proprio a cavallo tra le due sfide giocate a Novembre ottenne la promozione nella massima serie del calcio Norvegese. La Coppa delle Coppe portò via energie ad un club non abituato a trasferte Europee, e infatti in campionato la stagione in Third Division partì in maniera disastrosa, salvo poi migliorare sensibilmente nel corso della stagione ottenendo una salvezza tranquilla.  Ma è in Coppa delle Coppe dove il Newport riversa il meglio di se, e su un campo misto fango, neve e ghiaccio, il Mighty County strappa uno 0-0 che viene visto da Mr.Ashurst come positivo. E infatti al ritorno il Newport si esaltò, vincendo 6-0 con tutto il tridente a segno e un Somerton Park che iniziò a sognare in grande.

4County

Benfica, West Ham, Feyenoord, Dinamo Tblisi e… Newport County. La stampa Britannica e non solo iniziò ad interessarsi a quella che da favola stava diventando una clamorosa realtà: il sorteggio fu visto con un filo di rassegnazione: l’avversario era il Carl Zeiss Jena, squadra della Germania dell’Est che aveva eliminato Valencia e Roma. Ma il Newport County è qui per giocarsela, e arriva nella città un centinaio di km Sud di Dublino con il morale alle stelle, pur consapevoli della grandezza di un avversario con grande caratura internazionale. I tifosi al seguito della squadra erano pochissimi, visto l’ardua impresa di poter entrare nel territorio della DDR, eppure al goal di Tommy Tynan che porta le squadre all’intervallo sull’1-1, sulla tribuna dello stadio di Jena si nota che qualche Gallese c’è. Raab riporta in vantaggio il Carl Zeiss, ma Tynan allo scadere trova un fortunoso goal che manda le squadre a Somerton Park con un 2-2 che fa sognare un paese intero. Perché, se il Galles calcistico è diviso tra Cardiff e Swansea, con il Wrexham la squadra del nord, il Newport era una piccola intrusa, capace di sollevare l’entusiasmo popolare come la nazionale che nel 1958 vide interrompersi il proprio sogno mondiale solamente da un certo Pelè.

12498990_10207295589445557_1771149734_n

Al Newport County sarebbe bastato dunque un pareggio per diventare la prima squadra nella storia ad arrivare alla semifinale di una competizione UEFA come squadra di terza serie. Somerton Park in quella sera del 18 Marzo era uno spettacolo, 18mila spettatori ufficiali (in realtà molto di più) per vedere il piccolo club con la maglia arancione scura giocarsi la gloria Europea, e una semifinale contro il mitico Benfica. Un “derby” per altro: il Carl Zeiss Jena nasce come dopolavoro della celebre fabbrica, mentre il Newport County come dopolavoro della Lysgat Orb Works, fabbrica di Ferro e acciaio. L’ottimismo a Newport regna sovrano, anche perché come ammette il tecnico del Carl Zeiss Meyer, ben 6 giocatori titolari sono rimasti in Turingia tra infortuni e squalifiche. Eppure, al 27esimo Kurbujelt da il vantaggio ai Tedeschi, vantaggio che manterranno fino alla fine nonostante un paio di mischie liberate davanti alla porta, una traversa colpita da Oakes e un paio di miracoli del portiere Tedesco. Oakes e Gwynter reclamano pure che due palloni avevano varcato la linea, tutto inutile: passa il turno il Carl Zeiss, la standing ovation mista ad un paio di lacrime dei tifosi non può bastare, nonostante la consapevolezza di quanto fatto fosse stata colta in pieno. Passa il Carl Zeiss Jena, che poi supera pure il Benfica e arriva in finale contro la Dinamo Tiblisi, perdendo 2-1 in una finale giocata a Dusserdolf davanti a solamente 4mila spettatori visto l’impossibilità di uscire dai propri confini per i tifosi della Germania dell’Est e dell’Unione Sovietica.

Il match program della sfida
Il match program della sfida

La storia del Newport County di fatto si ferma  a quella traversa di Oakes: dopo il 12esimo posto in campionato il club rapidamente torna in quarta divisione per poi fallire nel 1989: dalla gloria Europea ai polverosi campi della provincia gallese in 7 anni. Il club fu pure costretto ad un esilio nella prima stagione in Hellenic League, e pure dal 1992 al 1994 per colpa della FAW, che ovviamente voleva il Newport County dentro la struttura calcistica Gallese: alla fine dopo una lunga querelle il Newport riuscì a rimanere nella struttura inglese e a giocare nel nuovo impianto di Newport, che andò a sostituire l’ormai fatiscente Somerton Park. Una scalata che è finalmente stata compiuta del tutto, tra Southern Premier League, Conference South e Conference National, nel 2012: ancora un derby Gallese, questa volta contro il Wrexham. 2-0, nell’anno del centenario, e il ritorno a casa, il ritorno in Football League: il lieto fine per una bella favola che si era trasformata in un vero e proprio incubo.

Incredibilmente, il rapporto tra Newport County e Carl Zeiss Jena continua a distanza di 35 anni: nel 2013 per le celebrazioni del 110° anniversario del club della Turingia, il Newport County venne ufficialmente invitato: oramai il Muro di Berlino non c’è più, e da Newport poterono viaggiare in centinaia per rivivere un mito ascoltato solamente alla radio oppure mai vissuto. Il destino volle che quella amichevole terminò per 2-2, su un clima festoso che fece per un attimo dimenticare anche ai Tedeschi che dopo la dissoluzione del campionato della DDR il club era sceso fino alla Regionalliga Nordost, quarta serie Tedesca che racchiude con un filo di nostalgia tante squadre che negli anni ’70 e ’80 erano solite nei piani alti Europei, come Magdeburgo, Lokomotive Lipsia o la Dynamo Berlino, squadre sparite dal grande giro del calcio tedesco. Il ritorno si giocò un anno dopo, nel 2014, a Spitty Park: Somerton non esiste più, e lo stadio di Rodney Parade, nuova casa del County in coabitazione con la squadra di Rugby di Celtic League dei Dragons, era in sistemazione per permettere al club di affrontare la stagione in League 2: 1-0, ma questa volta per il County: Darren Jones con il goal, che per qualche minuto ha fatto trovare vendetta per quella magica e sfortunata notte di Somerton Park, quando un paese intero sognò in Ocra.

12899647_10207295589925569_1371123982_n

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*