Non è mai troppo tardi per godersi Anfield

Ennesima bellissima storia di solidarietà quella che ci arriva dall’Inghilterra. Siamo a Liverpool, in una delle famiglie calcistiche più grandi non solo del Regno Unito da di tutto il mondo. Negli ultimi giorni, era partita una vera e propria corsa contro il tempo per aiutare la signora Marie Wright, irlandese residente a Dublino e affetta da un cancro che le ha lasciato qualche settimana di vita, a realizzare il suo sogno di una vita: quello di vedere il Liverpool FC ad Anfield.

Uno storico gruppo di tifosi dei Reds, il YNWA Irish Reds, ha contattato la famiglia e i figli della povera signora offrendo loro un posto nel settore riservato ai disabili per assistere al match del 10 Settembre contro i campioni in carica del Leicester City. Un settore, quello dei disabili, a cui la famiglia di Marie non avrebbe avuto accesso, tanto che per portare la madre allo stadio avrebbero dovuto accontentarsi di un posto in tribuna come gli altri. Non proprio il massimo per una signora dagli evidenti limiti fisici e respiratori.

Tutto quello che sta accadendo è fantastico. Noi avevamo progettato di portare nostra mamma ad Anfield a Novembre, anche se non sappiamo precisamente quante settimane di vita le restano, ma il cuore dei tifosi del Liverpool è grandissimo. Non ci aspettavamo tutto questo e soprattutto non ci aspettavamo tutto questo affetto.

mariew

Cosi ha commentato la figlia, che per supportare la causa della madre ha anche creato una pagina Facebook. La signora Marie, che ha scoperto di essere malata solo lo scorso febbraio e che da allora combatte la malattia con la chemioterapia, è tifosa del Liverpool oramai da più di 40 anni. Nel tempo però, le difficoltà economiche (è madre di 6 figli) e i suoi troppi impegni l’hanno tenuta lontana dal calcio e gli hanno permesso di seguirlo solo dalla tv.

Ora per lei si prospetta una nuova avventura, forse l’ultima della sua vita, ma che siamo certi si godrà al 100% insieme alla sua famiglia e a tutti i tifosi del Liverpool.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*