Derby d’Inghilterra, la polizia avverte i tifosi: niente cori discriminatori

Liverpool fans react during their English Premier League soccer match against Manchester United at Old Trafford in Manchester, northern England, January 13, 2013. REUTERS/Phil Noble (BRITAIN - Tags: SPORT SOCCER) FOR EDITORIAL USE ONLY. NOT FOR SALE FOR MARKETING OR ADVERTISING CAMPAIGNS. NO USE WITH UNAUTHORIZED AUDIO, VIDEO, DATA, FIXTURE LISTS, CLUB/LEAGUE LOGOS OR "LIVE" SERVICES. ONLINE IN-MATCH USE LIMITED TO 45 IMAGES, NO VIDEO EMULATION. NO USE IN BETTING, GAMES OR SINGLE CLUB/LEAGUE/PLAYER PUBLICATIONS

Manca sempre meno al derby d’Inghilterra che, come ogni anno, è pronto a infiammare l’atmosfera ed emozionare decine di migliaia di tifosi e appassionati. La rivalità Reds e Red Devils è una delle più antiche e sentite di tutto il Regno Unito, non solo per un fattore calcistico ma per una serie di motivi socio culturali che hanno origini ben più lontane.

Una rivalità che negli ultimi anni però, è sfociata in alcuni episodi molto deplorevoli ed evitabili, capaci di ridicolizzare due delle tifoserie più conosciute e stimate al mondo, oltre ad obbligare le società a scuse pubbliche reciproche. In occasione della doppia sfida valida per i quarti di finale di Europa League della scorsa stagione infatti, dai settori ospiti di Anfield prima e Old Trafford poi si sono uditi cori di scherno in riferimento alle stragi che hanno colpito le due società in due periodi storici diversi: stiamo parlando della strage aerea di Monaco di Baviera, nella quale persero la vita alcuni giocatori e membri dello staff del Manchester United e della strage di Hillsborough, nella quale persero la vita 96 tifosi del Liverpool.

Gli scontri della scorsa stagione sulle tribune dell'Old trafford
Gli scontri della scorsa stagione sulle tribune dell’Old trafford

Per evitare il ripetersi di determinate situazioni, la polizia, tramite i due club, ha lanciato un monito ai tifosi che lunedì ad Anfield tornano ad affrontarsi:

La grande rivalità esistente tra i due club non deve essere sinonimo di mancanza di rispetto o di atti offensivi e discriminatori tra le due opposte fazioni. Chiunque venga individuato dagli steward o catturato dalle telecamere mentre si rende protagonista di atti di discriminazione verrà immediatamente allontanato dallo stadio con il rischio di essere arrestato e diffidato dal seguire la propria squadra per il resto della stagione.

Insomma tifosi, godetevi il derby come avete sempre fatto, sfottetevi e prendetevi in giro, ma non scadete in beceri cori che altro non fanno che incrementare un’inutile odio sportivo. Un nuovo capitolo della rivalità tra Scousers e Mancunians è alle porte, sebbene neanche gli agenti di polizia delle due città riuscirebbero a bere insieme una pinta al pub.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*