Joey Barton rivela: “Io all’Arsenal? Ero ad un passo ma poi… “

Un retroscena incredibile quello svelato dal bad boy Joey Barton alla rivista Four Four Two. In una recente intervista infatti, il centrocampista del Burnley ha spiegato come e perché nel 2011 è saltato il suo trasferimento all’Arsenal.

Era il 13 agosto. Il calciomercato ancora nel vivo e il campionato pronto a cominciare. A St. James’ Park Arsene Wenger schiera l’11 titolare, nel quale figura anche Gervinho, arrivato qualche settimana prima e deciso a impressionare i suoi nuovi tifosi. La partita è equilibratissima e molto combattuta tanto che a metà ripresa il risultato è ancora fermo sullo 0-0. Ma con Barton in campo, mai dare niente per scontato.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Al 75′ è proprio Gervinho che, entrato in area dalla sinistra, cerca un improbabile calcio di rigore simulando un intervento scomposto del difensore avversario. Per sua sfortuna, il buon Joey passeggiava da quelle parti, e senza neanche dargli un attimo di respiro, con il gioco che alle loro spalle continuava, gli si avvicina pronunciandogli qualche parola poco gentile in riferimento alla simulazione di qualche secondo prima.

La reazione dell’ivoriano è rabbiosa tanto da venire alle mani con Barton che nella concitazione, cade a terra colpito da un violento schiaffo del rivale. L’arbitro non ha dubbi, estrae il secondo giallo per il giocatore dell’Arsenal, espellendolo propri nel giorno del suo debutto.

Quegli attimi, oltre che per Gervinho però, sono decisivi anche per il centrocampista inglese perché al fischio finale, ancora furioso per quanto successo, decide di non presentarsi all’appuntamento con Wenger, mandando in fumo di fatto una nuova esperienza con la maglia della squadra londinese.

Mandai qualche intermediario ma da quanto ho capito l’interesse non era poi così forte. Mi sarebbe piaciuto andare all’Arsenal, chi mai rifiuterebbe un club così importante, ma quel giorno andò così. Troppa tensione nell’aria.

Chissà cosa sarebbe successo se davvero Barton fosse andato all’Arsenal. Avrebbe mai messo la testa apposto pur di giocare su grandi palcoscenici?

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*