Il Tottenham fa spesa a Liverpool

Per una volta, almeno una volta, non stiamo parlando di un calciatore. O meglio, passateci il termine, dopo un mese intero di speculazioni, possibili trattative, trasferimenti fatti e poi saltati all’ultimo minuto, siamo qui per parlare di uno degli acquisti che potrebbe stravolgere completamente il futuro prossimo della Premier League. Da pochi giorni infatti, il nuovo capo del settore scout del Tottenham è Steve Hitchen, ovvero, signore e signori, l’uomo che portò al Liverpool un certo Luis Suárez.

David Comolli, former director del Liverpool, ha rivelato in una recente intervista al Liverpool Echo i retroscena della trattativa con l’attaccante uruguaiano, affermando che fu proprio Hitchen l’uomo che nel gennaio del 2011 spianò la strada per il trasferimento de “El Pistolero” dall’ Ajax al Liverpool in una trattativa complessiva da £22.8 milioni di sterline (€ 26.7 milioni di euro).

Suarez-on-Liverpool

 

Il fatto che Suárez si sia poi rivelato uno degli acquisti più efficaci nella storia del Liverpool, crediamo sia sotto gli occhi di tutti: anche grazie al suo contributo, la formazione di Brendan Rodgers andò vicinissima al titolo dopo un’attesa di quasi 30 anni, salvo poi doversene privare in seguito dell’irrinunciabile offerta arrivata da Barcellona (£75 milioni di sterline, poco più di 88 milioni di euro al cambio).

Ma torniamo all’uomo del momento: correva la stagione 2006/07, quando Steve Hitchens, appena lasciato il Derby County, spostò la sua attenzione su Suárez, all’ epoca un giovane promettente militante nelle file del Groningen, seguendo poi con attenzione i suoi progressi soprattutto durante suoi anni passati con la maglia dell’Ajax.

football-luis-suarez-liverpool-chelsea-premier-league-stamford-bridge_3059157

Quando Suárez fu sospeso in seguito all’ episodio del morso nei confronti del centrocampista del PSV Otman Bakkal, Hitchen colse la spiacevole occasione per assicurarsi il trasferimento di Suárez dall’ Ajax al Liverpool.

Lo stesso Comolli ha rivelato al The Independent che Steve fu l’unico a capire le intenzioni del club olandese nei confronti di Suárez dopo il suddetto episodio.

Steve nutre una forte etica e dedizione nei confronti del suo lavoro. Ha molte connessioni di ottima qualità nel settore e la sua popolarità è molto alta. Tutti coloro che lavorano nell’ ambiente scouting europeo conoscono Steve Hitchen.

Hitchen, nel frattempo, ha già cominciato a lavorare per gli Spurs. Obiettivo principale: ricostruire la squadra, avendo come base questi turbolenti ultimi mesi, che han visto il club lottare per il titolo, ritrovare la Champions League e dare il via a una rivoluzione societaria, già cominciata con la costruzione del nuovo stadio. Non basterà la fama di essere “l’uomo che porto Suarez al Liverpool” per far vincere i titoli agli uomini di Pochettino. Serviranno, oltre alla costanza, competenze, dedizione al lavoro e tanta attenzione nei dettagli.

LIVERPOOL, ENGLAND - NOVEMBER 23:  Luis Suarez of Liverpool celebrates scoring his team's second goal during the Barclays Premier League match between Everton and Liverpool at Goodison Park on November 23, 2013 in Liverpool, England.  (Photo by Alex Livesey/Getty Images)

A confermalo è stato lo stesso Pochettino che ha parlato dell’importanza dello scouting ed il bisogno di creatività, così confermando che l’arrivo di Hitchen è una decisione presa in comune accordo con tutto il club:

Siamo in una situazione in cui risulta difficile competere con gli altri club; negli ultimi 5-10 anni hanno investito molti soldi. Per questo risultare creativi, brillanti ed intelligenti è essenziale. Forse meglio se non troppo intelligenti, perché troppa intelligenza non è sempre una buona cosa. L’importante è risultare più creativi.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*