La confessione di Mourinho dopo la finale di Coppa di Lega

In pochi se lo sarebbero aspettato così emozionato e timido, eppure, José Mourinho dopo la conquista del suo 10° trofeo inglese (il 24° in carriera), si è sfogato ai microfoni di Sky Sports, confessando il suo punto di vista e le sue impressioni dopo il match che ha visto il suo Manchester United conquistare l’ennesimo titolo della sua storia.

Vincere è sempre speciale e, devo ammetterlo, mi sono un po’ emozionato. Non è facile vincere e non è facile farlo con questa continuità, soprattutto con la pressione che ho addosso, dal momento che tutti, da José Mourinho, si aspettano sempre il massimo dei risultati. Devo fare i miei complimenti al Southampton per come ha interpretato la partita ma sono felicissimo della vittoria. Ho fatto un po’ gli occhi lucidi, questo è vero, ma credo sia normale. Il giorno che smetterò di emozionarmi quando vinco sarà il giorno nel quale deciderò di ritirarmi.

Parole che in pochi si aspettavano dal freddo, insensibile e apparentemente poco sensibile José Mourinho, un allenatore che negli anni ha fatto del rapporto (difficile) con la stampa e del feeling diretto con i tifosi due dei suoi punti di forza.

C5nvmjzWQAAcTZH

Tra le altre cose, proprio con la vittoria di ieri, Mourinho ha eguagliato il record di 4 Coppe di Lega ( 3 vinte con il Chelsea e una con i Red Devils) detenuto in passato da due mostri sacri del mestiere, nonché vere e proprie leggende del football d’oltremanica: Brian Clough e Sir Alex Ferguson.

Raggiunti certi traguardi, chi non si sarebbe emozionato?

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*