Tutti gli Oscar del calcio… inglese!

La notte degli Oscar, tra polemiche per assegnazioni sbagliate e gaffe sulle consegne delle buste, ha saputo regalare più di qualche emozione. Ma le emozioni, noi amanti del calcio, le viviamo di domenica in domenica sui campi di calcio che vedono protagonisti i nostri tanto amati beniamini. Per questo motivo, cercando di analizzare i fatti avvenuti nel corso di questi ultimi mesi sui campi di calcio d’oltremanica, abbiamo stilato una lista di quelli che, secondo noi, potrebbero essere gli Oscar del calcio inglese. Da Vardy, ai tifosi del St. Etienne, passando per i match più belli. Eccoli a voi..

L’Oscar per i “Migliori effetti speciali” viene assegnato ai supporters del St.Etienne nella partita di contro il Manchester United ad Old Trafford, hanno di fatto introdotto (senza farsi notare?) un intero arsenale di fumogeni, e creato una spettacolare e romantica scenografia dai toni rosso-verde che hanno lasciato i tifosi ospiti a bocca aperta e violato le leggi della UEFA. Ma siccome noi non siamo la UEFA, passiamo volentieri sopra determinate regole e omaggiamo i supporters francesi con questo premio.

C44-sthUYAIHHU1

Assegnamo l’Oscar al risultato più bizzarro al 5-3 del Manchester City contro l’AS Monaco, che forse solo per la freschezza dell’evento, sfila il podio alla rimonta del Liverpool di Klopp per 4-3 contro il suo ex Borussia Dortmund. Sebbene all’Etihad ci si sia divertiti in abbondanza, è chiaro che quella notte, ad Anfield, le emozioni non fossero da meno. E voi, quale delle due preferireste?

Migliore attore (fuori campo) viene assegnato a Jamie Vardy, principe decadentista di Leicester, il quale si vocifera che insieme ad alcuni suoi compagni di squadra avrebbe accoltellato l’allenatore Ranieri alle spalle, domandando il suo licenziamento dopo la favola scritta la scorsa stagione. Vardy ritarda nell’ augurare un buon proseguimento di carriera al Claudio e continua a negare le speculazioni nei suoi confronti. Il beniamino delle Foxes aveva tutte le carte in regola per continuare a portare alto l’orgoglio del Leicester, ma ha optato per farsi svincolare la Premier League dalle mani ed arraffare l’oscar peggiore.

C4kGO1nWIAAmNfJ

Miglior costume viene assegnato invece a “Pete the Eagle”, la mascotte del Crystal Palace. Pur essendo “solo un’aquila su due zampe”, non possiamo non riconoscere che con quegli occhiali da sole, e la sua compagna Alice al suo fianco, sprizzi carisma da tutte le penne. Del resto chi non vorrebbe sul cruscotto un adorabile peluche di Pete the Eagle?

Cq3IUqGWAAAHDH0

Miglior fuoriscena va a Wayne Shaw, o forse alla sua pie e a tutto il furore creatosi intorno a quel morso. Insomma, che fosse per scommessa, per fame o per entrambe le cose, l’oscar piove dritto in mano all’ ormai ex secondo portiere del Sutton United.

C46D-TqUcAEFghP

L’oscar più meritato, ovvero il Miglior director, va ovviamente al nostro amato Claudio Ranieri, che fregandosene delle aspettative è riuscito a scrivere una delle trame più avvincenti per una favola singolare in questo calcio fatto quasi esclusivamente di procuratori, sponsor e contratti multimilionari.

gettyimages-531750278

Miglior fotogramma, va a quel momento che un pò tutti ricorderemo per i prossimi anni a venire, ovvero al Leicester di Ranieri che solleva la Premier League. Un’immagine che nessuno si è mai nemmeno immaginato di poter vedere e che continuerà a riecheggiare nell’eternità, nella storia del calcio inglese negli anni a venire.

33EFE4D400000578-3578557-image-a-131_1462648174103

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*