Canzoni contro la paura

Questa sera si scriverà una pagina importante, forse, di Premier League. Da una parte Crystal Palace – Tottenham, le squadre più in forma del mese, dall’altra Arsenal – Leicester e Middlesbrough – Sunderland. I primi cercheranno di dare un senso a una stagione difficile da comprendere, i secondi cercano invece di aggrapparsi all’ultima carrozza del treno che porta fuori dalla relegation zone.

https://twitter.com/CPFC/status/857278106729680897

Parafrasando il cantautore Brunori Sas, nel calcio così come nella vita vale il concetto per il quale, a volte, basta solo una vittoria a ricordarti chi sei. Certo, guardandosi intorno nessuna delle squadre impegnate questa sera può dirsi soddisfatta: gli Spurs rischiano di perdere l’ennesimo titolo dopo un ennesimo campionato di alto livello, le Eagles si stanno avvicinando alla salvezza con fatica nonostante un mercato di tutt’altro spessore, Arsenal e Leicester hanno fallito – se così possiamo dire – una stagione potenzialmente memorabile proprio mentre le due squadre biancorosse oggi in fondo alla classifica mettevano insieme appena 45 punti in 65 gare complessive.

https://twitter.com/Arsenal/status/857281899500318720

Questa sera in ogni stadio risuonerà una canzone, che si tratti di un coro dei tifosi particolarmente caldi sugli spalti di Selhurst Park o del Riverside Anthem per caricare i giocatori del Boro, che sia una canzone degli Oasis o il fischiettìo di un tifoso.

L’unica certezza è che questa sera, anzi in questi minuti, i tifosi delle 6 squadre impegnate stiano cantando qualcosa: un motivetto, un inno, una canzone contro la paura. Di sbagliare, di cadere, di non riuscire a volare o di non riuscirsi a salvare.

Scritto da Lorenzo Semino

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*