Il tifoso che ha affrontato i terroristi: “Andate a fancu*o, sono un Millwall”

Le orrende immagini di terrore che oramai dai un mese e mezzo ci giungono dall’Inghilterra sono qualcosa alle quali tutti quanti noi avremo fatto volentieri a meno. In ogni cosa però, anche in quella più brutta, c’è sempre qualcuno che con le proprie azioni riesce in qualche modo ad alleviare il dolore e strapparci qualche sorriso forzato.

È il caso di Roy Lerner, un signore inglese di 47 anni che insieme ad alcuni amici stava cenando al Black & Blue Restaurant situato a ridosso del Borough Market, uno dei locali attaccati dai terroristi. Con un raptus d’orgoglio, misto a rabbia e spirito di sopravvivenza, l’uomo si è letteralmente scagliato in solitaria contro i 3 attentatori, rispondendo al loro grido di “This is for Allah – Islam, Islam, Islam” con…

Non me ne frega un caz*o. Andate a fancu*o, io sono un Millwall.

8462c1c05936dca757c3c3a6d8ae429f

Un gesto questo che gli ha procurato ben 8 accoltellate sulle mani, sul collo e sulla testa ma che ha permesso a decine e decine di altre persone di mettersi in salvo. Mentre Roy combatteva i terroristi infatti, gli altri clienti del ristorante hanno potuto scappare dall’uscita principale e mettersi al riparo.

Ricoverato ora in ospedale, non sembra in pericolo di vita: nessuna delle ferite riportate è stata così grave da far ritenere la situazione critica.

La madre: “Non sono sorpresa, fa sempre così…”

Intervistata dalla BBC, la mamma dell’eroico Roy, decennale tifoso del Millwall e presente a Wembley nella finale playoff di League One qualche settimana fa, ha parlato di lui come un ragazzo sempre pronto a difendere gli amici e uno di quelli che fa fatica a tirarsi indietro da una rissa.

da0e3839593604eecefd0510d0924259

Quando mi hanno chiamato non ero poi così stupita. Lo conosco, so che quando si trova in certe situazioni reagisce di impeto. Farebbe di tutto per far scudo ai suoi amici e salvare loro la vita. È un ragazzo coraggiosissimo.

Dello stesso avviso è anche lo stesso Roy, che mentre riceve le cure di rito in un ospedale londinese, è stato raggiunto dai giornalisti dei quotidiani nazionali, hai quali ha così spiegato l’accaduto.

Quando vedo certe cose vado su tutte le furie. Non ci ho pensato un attimo, forse sono stato un po’ stupido. Ho sentito che urlavano qualcosa quindi mi son detto: “Devo levare di torno questi bastardi. Del resto, sono del Millwall no?” – e così ho fatto.

Al momento nessun altro commento sulla vicenda è stato fatto ma alcuni dei suoi amici hanno creato una petizione online perché gli sia assegnata una medaglia, riconosciuta dalle autorità inglesi, per il gesto eroico che gli ha permesso di salvare le vite di molte persone, non solo quelle dei suoi conoscenti.

La questione è destinata ad avere un seguito ma al momento, senza volerlo, il Millwall si è ritrovato coinvolto in una vicenda alquanto bizzarra.

1 Comment on Il tifoso che ha affrontato i terroristi: “Andate a fancu*o, sono un Millwall”

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*