Liverpool, parla Parry: “Gerrard? Ad Anfield ci è rimasto per miracolo”

Avete presente il ragazzo con il numero 8 del Liverpool che per tutta la sua carriera ha fatto innamorare decine di milioni di persone, diventando una vera e propria divinità? Avete presente quell’uomo diventato un simbolo e un’icona del calcio inglese e mondiale grazie e soprattutto al suo essere leader dentro e fuori dal campo?

Ecco, proprio lui, Steven Gerrard, è stato in passato vicinissimo a lasciare il Merseyside e trasferirsi nella più grande e più attraente Londra. Il motivo? Non vedeva l’ora di giocare nel Chelsea. A rivelarlo è stato Rick Parry, ex Chief Executive del club, che in una lunga intervista ha spiegato i retroscena di quella trattativa che, a tutti gli effetti, stava per essere portata al termine.

gerrard-2

Credo che nella mia carriera i più grandi acquisti siano stati quelli di trattenere Steven Gerrard e Jamie Carragher. Spesso far rimanere i giocatore è meglio che comprarne di nuovi. Stevie andò per ben 2 volte vicinissimo all’addio, tanto che la seconda volta eravamo oramai convinti di averlo perso.

Così l’ex dirigente del Liverpool si è espresso riguardo alla trattativa che vedeva il capitano dei Reds essere a un passo da diventare una nuova stella del Chelsea.

Io e il presidente andammo a Liverpool per parlargli ma non ne voleva sapere di cambiare idea. Voleva cambiare area e giocare in una piazza che potesse garantirgli una squadra più competitiva e qualche trofeo in più. Provammo a dirgli che lui rimaneva al centro del nostro progetto, ma non ci fu modo di farlo desistere. Poi, all’improvviso, qualche giorno dopo mi chiamò e mi disse che si era deciso a rimanere. Mi misi quasi a piangere. Sembrava un miracolo.

1970150-41398487-2560-1440

Che cosa ne sarebbe stato di Gerrard se fosse finito al Chelsea? Sarebbe stato idolatrato comunque dai tifosi del Liverpool oppure no? Come sarebbe andata la convivenza con il rivale e amico Frank Lampard? Nulla di tutto questo, purtroppo, ci è dato a sapere.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*