Rooney, parola all’esperto: “Potrebbe finire come Gascoigne e Best”

Effettivamente, a vederla da vicino, la situazione può risultare controversa. Un giocatore del suo calibro, capace di riscrivere pagine indelebili dell’ultima decade del calcio inglese diventando il giocatore più prolifico della storia del Manchester United e della nazionale inglese, non riesce a controllare la sua irrefrenabile voglia di bere.

Wayne Rooney, dopo l’ennesimo problema della giustizia collegato all’alcool, rischia di diventare un caso nazionale. L’arresto della scorsa settimana è solo l’ultimo dei suoi capricci: solo qualche mese fa, durante il ritiro con la nazionale, aveva molestato verbalmente una ragazza dopo aver esagerato con il vino insieme ai suoi compagni di squadra.

nintchdbpict000000699962

A dire la propria sulla vicenda, questa volta, ci ha pensato Steve Pope, famoso psichiatra del mondo sportivo inglese in passato medico anche di Paul Gascoigne e George Best, che ha voluto spiegare quali siano i rischi futuri che corre un giocatore del calibro di Wayne Rooney qualora non riuscisse a dare un freno ai suoi istinti.

La situazione è molto più complicata di quanto sembra e lui non se ne rende conto. Se non è capace di controllarsi, rischia di fare la fine di altri casi clinici più gravi come Gascoigne e, ancora peggio, George Best. Deve chiedere aiuto.

JHP_MDM_100717ROONEY_39

Sebbene il suo obiettivo sia quello di chiudere la carriera all’Everton e poter aiutare la squadra che ha sempre tifato a conquistare qualche titolo rilevante, qualora non riuscisse a porre un freno a questa sua irrefrenabile voglia di bere oltre il limite del consentito, rischia davvero di incanalarsi in un tunnel dal quale sarebbe poi difficile uscire.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*